Le Chiese di Santa Maria Maggiore e San Pietro a Tuscania (Vt) riaprono al pubblico.

Tuscania

9 luglio 2020 - Riapertura al pubblico

Da venerdì 10 luglio le Chiese di Santa Maria Maggiore e San Pietro a Tuscania (Vt) riaprono al pubblico.

Da venerdì 10 luglio, le Chiese di Santa Maria Maggiore e San Pietro a Tuscania tornano stabilmente a essere fruibili a visitatori e fedeli, grazie anche alla proficua collaborazione dell’Amministrazione comunale, con le stesse modalità dell’epoca pre-Covid.

L’iniziativa, in linea con una richiesta espressa dal mondo della cultura e da gran parte della società civile, obbedisce al criterio della massima prudenza, a tutela di quanti lavorano all’interno dei siti, del pubblico e delle opere. In primo piano dunque le normative di sicurezza e i principi di gradualità e sostenibilità indicati dal Comitato Tecnico Scientifico.

“Quando penso a Tuscania - chiosa Edith Gabrielli, Direttrice Regionale Musei Lazio - mi viene automatico pensare a Pietro Toesca, ai suoi studi sul Medioevo italiano e, appunto, sulle due grandi chiese locali, Santa Maria Maggiore e San Pietro. Riaprire queste due chiese resta un atto importante sul piano della tutela, che viene incontro a un'istanza espressa dai fedeli e dalla società civile. Fondamentale era farlo con prudenza, cosicché la visita possa svolgersi in piena sicurezza. Il nome di Toesca chiama in causa anche il pubblico degli studiosi, un pubblico ridotto nel numero, certo, eppure fondamentale per il nostro patrimonio: perché fare tutela senza ricerca è impossibile”.

“La riapertura delle chiese di Tuscania è una splendida notizia per tutti - dichiara inoltre la Direttrice dei due siti Arch. Sonia Martone – Tornano infatti fruibili due luoghi della cultura e della fede di straordinario valore, punti di riferimento per il territorio”.

Roma, 9 luglio 2020